Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
18 gennaio 2012 3 18 /01 /gennaio /2012 15:14

Prima di tutto, le cattive notizie non c'è una cura naturale per l'influenza.

Subito dopo, però, quelle buone: esistono alcuni rimedi naturali per i sintomi dell'influenza, che possono ridurre molto il fastidio che l'influenza provoca. http://bodywonders.com/wp-content/uploads/2010/10/flu.jpg

 

NASO CHIUSO:

 

Non abusate di farmaci decongestionanti per il naso. La congestione nasale è fastidiosa, certo, ma se avete bisogno di intervenire potete farlo in maniera più dolce: bevendo più acqua, per esempio. Una maggiore idratazione fa sì che il muco diventi meno viscoso e più facile da espllere.

Sempre utilizzando l'acqua, potete ricorrere ai risciacqui con acqua calda (non troppo) e salata, che aiutano anche a ridurre la presenza di batteri nelle vie nasali.
Una semplice ricetta per creare la vostra “soluzione nasale” casalinga è questa:

- 1/4 di cucchiaino di sale

- 1/ 4 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Mescolateli insieme in un bicchiere di acqua.

Chinatevi poi su una bacinella e spruzzatevi delicatamente in una narice la soluzione, usando una semplice siringa senza ago. Chiudete l'altra narice con le dita durante il procedimento.
Ripetete due o tre volte per narice.

 

MAL DI GOLA

Potete inumidire la gola con dei gargarismi di acqua tiepida salta, da ripetere più volte al giorno.

Per ridurre la sensazione di “prurito” in gola sono utili le bevande astringenti, come il tè (che contiene tannini).

Bevande calde, specie se arricchite con miele, danno sollievo alla gola irritata.

 

Condividi post

Repost0
16 agosto 2011 2 16 /08 /agosto /2011 09:09

Questo articolo è rivolto alle donne, dato che il pap test (detto anche papsmear o pap smear) è un esame prettamente femminile molto importante per tutelare la salute e prevenire malattie anche gravi.

Che cos'è

Il paptest deve il suo nome al medico di origine greche Papanicolau, che ne ha introdotto l’utilizzo agli inizi del 1900 (in Italia viene usato a partire dagli anni ’50). Il test viene usato per analizzare le cellule della cervice uterina, che rileva la presenza di eventuali cellule anomale, in modo da prevenire formazioni tumorali (tumore del collo dell’utero). Inoltre è un test che permette di rilevare immediatamente la presenza di infezioni batteriche, virali o micotiche, tra cui il papillloma virus (hpv), che può portare allo sviluppo del cancro dell’utero. Per rilevarel’hpv, il pap test è fondamentale.

Si tratta di un esame di routine, effettuabile dal medico o da personale infermieristico abilitato, e non è un esame particolarmente invasivo o doloroso.

Come si fa

Il Pap Test è detto anche Test dello striscio cervicale, perché avviene grazie al raschiamento di una piccola quantità di cellule dal collo dell’utero, grazie a una spatola particolare (spatola di Ayre), oltre al prelievo di alcune cellule dell’endocervice, grazie a un tampone vaginale (simile a un tampone faringeo).

Molte donne non sentono nulla, durante il pap test (pochi minuti per tutto l’esame), alcune avvertono un leggero senso di fastidio, nel momento in cui avviene il raschiamento, ma si tratta di una sensazione passeggera.

Le cellule asportate vengono poi strisciate su un vetrino ed esaminate in laboratorio.

Quando farlo

Le linee guida europee affermano che il test dovrebbe essere effettuato nella fascia di età compresa tra 20 e 65 anni e almeno ogni tre anni.

L’età di inizio è stata indicata statisticamente in base all’inizio dei rapporti sessuali: quando si è sessualmente attive prima dei vent’anni, è consigliabile anticipare anche il primo paptest.

Il test non va effettuato durante il periodo delle mestruazioni, mentre può essere eseguito anche in gravidanza, senza causare alcun problema al feto.

Anche le donne vergini possono sottoporsi al test senza che vengano provocate lesioni all’imene, ma è bene preavvertire il ginecologo.

I risultati

Se non vengono rilevate anomalie, non verrete contattate dal medico; in caso contrario, è bene rivolgersi a un medico per la lettura del test, dato che negli anni la descrizione dei risultati è cambiata molto, passando dalle scale numeriche (CIN1, CIN2, CIN3) a un sistema descrittivo. Un'anomalia nel risultato del test può essere dovuta a molti fattori, è bene sentire il parere di un medico prima di preoccuparsi o di agire in qualche modo.

Microscope

Condividi post

Repost0